da ZERO a METODO HEROES

QUESTA E’ LA STORIA DI ROBERTA.
UN’ATLETA CHE DA PARTENDO DA ZERO IN UN PAIO DI ANNI E’ DIVENTATA ATLETA DI ELITE!

 

“Prima di approcciarmi al mondo delle Ocr e Spartan mi allenavo normalmente in palestra 5 volte a settimana tra sala pesi e un corso di funzionale, in più il sabato mattina facevo una “corsetta” ogni tanto.
Un giorno, senza minimamente immaginare quello che avrebbe scatenato, mio padre mi ha fatto vedere un video di una Spartan Race e rimasi subito affascinata da quel video, tanto che decisi di voler fare quell’esperienza.
Ho conosciuto Serena guardando un suo video su Youtube: “Come preparare una Spartan Race” e da quel momento iniziai a seguirla sui vari social, appassionandomi sempre di più alla sua carriera sportiva e ammirandola tanto come donna.

Feci la mia prima Sprint a Taranto nel 2016 SOLA ma super contenta di quello che avevo affrontato.
Mi resi però conto che non ero assolutamente pronta:

-la corsa mi aveva devastata, ed era una SPRINT PIATTA.
-ho fatto burpees: al rig, al giavellotto e al muro alto. Nonostante fossi in open decisi di fare i burpees che meritavo senza farmi aiutare nel superamento del muro.

Con quella gara l’entusiasmo e la voglia di continuare in questo mondo erano alle stelle, ma non avevo ancora conosciuto gli OCR HEROES in quanto team.

Passai tutto il 2017 facendo un paio di gare tutte non competitive, probabilmente non credevo abbastanza in me stessa, tra cui anche la Beast a Taranto assolutamente impreparata per la distanza e con una calzatura non adatta.
Questo mi causò un problema al ginocchio, dovuto anche al mio modo di correre, che mi impediva di fare più di 20’ di corsa su sterrato e 10’ su asfalto arrivando a zoppicare.
Finalmente quell’estate vidi il sito www.ocrheroes.com con la possibilità di iscrivermi al programma di allenamento.

Purtroppo ho dovuto aspettare per motivi personali fino al 1 dicembre per potermi iscrivere, ma quando effettuai la registrazione il mio intero mondo cambiò.

Ero un po’ spaventata, devo essere sincera, avrei dovuto fare degli allenamenti diversi, che richiedevano un impegno maggiore, avrei dovuto CORRERE MOLTO DI PIÙ e il tutto completamente sola (anche se tramite social siamo sempre tutti in contatto).

Con mia grande sorpresa fui totalmente in grado di sostenere l’impegno che richiedono questi allenamenti, certo, con tanta fatica all’inizio specialmente per il cambio totale di metodo, ma ce la feci.
Con il continuo supporto di tutti gli Heroes e di Alessio in particolare riuscii a comprendere il punto cruciale che mi portava ad avere dolore al ginocchio, il mio appoggio del piede: correvo di tallone.
Piano piano mi sono sforzata di correggere questo problema iniziando a poggiare l’avampiede e a limitare il tallone nei trasporti.
Adesso arrivo a 15-20km (anche su asfalto) SENZA ALCUN DOLORE.

La mia prima gara competitiva, dopo aver iniziato il programma, è stata Maggiora 2018 in cui ho fatto 3 posto age group 18-24.

 

 

Così è iniziata una stagione di podi e ottimi risultati per me:

3° posto age super Maggiora
4° posto age super Orte
3° posto age 18-24 Italy National Series
1° posto Titan XRace Modica
1° posto Was Race Revolution
Band tenuta alla 3k e alla Team Relay degli OCR World Championship

 

Vorrei fare una parentesi sulla mia esperienza alla Team Relay degli OCRWC 2018: ho fatto team con Serena e Ilaria. Non so quanti possono rendersi conto della fortuna che ho avuto nel condividere con loro quei momenti.
Sono sicura di aver dato tutto quello che avevo più per loro che per me dopo che loro mi avevano dato la fiducia di fare team insieme.
Sono anche sicura che adesso sarei molto più preparata ma avrò sicuramente modo di dimostrare a me stessa a tutto il Team Ocr Heroes quanto questo sia vero.

 

 

Dopo un periodo di adattamento agli allenamenti tra corsa, forza e grip i miglioramenti che ho avuto e che ho tutt’ora sono quasi incredibili, ma tra le cose più cambiate e MIGLIORATE è la mia forza mentale.
Il mio approccio alle gare e allo stress da gara, il mio resistere sotto fatica, nella cosiddetta PAIN CAVE.

Il metodo Heroes ti insegna ad entrare nella Pain Cave e a rimanerci più degli altri, a dare il 100% in ogni allenamento e in gara.

Il team Heroes ti regala una seconda famiglia (a me ha regalato anche l’amore) sempre pronta ad ascoltarti e motivarti. Una famiglia che è bellissimo incontrare nei viaggi per le gare.
TUTTI gli Heroes ti insegnano quanto vali e a non lasciarti mai schiacciare da un allenamento no o da una gara che non va come vorresti.
Grazie a loro il mio pensiero davanti ad un ostacolo o a qualsiasi difficoltà si è trasformato da “non ce la faccio” a “faccio del mio meglio, o vinco o imparo”.

 

 

 

Il 2019 è un anno diverso per me:

-gareggio in élite.
-nonostante una pausa di un mese e mezzo dalla corsa, dovuta ad un’infiammazione, continuo ad avere buoni risultati in allenamento e in gara.
Tra le cose di cui sono più orgogliosa c’è la resistenza nella corsa in salita.

Prima non riuscivo a correre senza morire per più di 1’ minuto per poi fermarmi a camminare.
Adesso faccio anche un’ora intera al 15% o salite su sterrato che prima del programma facevo solo camminando con il cuore in gola.

Ma tanti altri punti importanti che fanno la differenza nel Metodo Heroes e che noto in OGNI GARA:

– sui trasporti spacchiamo. Ogni volta recupero tantissime posizioni su uomini e donne proprio nei trasporti.
– gli ostacoli in sospensione. Non sono stati più un problema, non ho più paura di incontrare un rig, anzi anche in questo caso posso fare la differenza in classifica per le mie capacità su questi ostacoli.
Non mi fa più paura l’Olympus, ostacolo in cui facevo sempre i burpees. Grazie alla condivisione di consigli e tecniche nel gruppo privato sono arrivata alla MIA tecnica migliore per superarlo senza paura.
-Le transizioni: le transizioni sono quelle cose fondamentali che fanno la differenza nelle Ocr e nella Spartan. Quanto aspetti prima di attaccare un ostacolo? E quanto forte riprendi a correre subito dopo? Be’ io sono partita che mi fermavo sempre tanto per far abbassare il cuore prima di un ostacolo e a riprendere a correre lentamente dopo averlo affrontato.

Adesso in base all’ostacolo, o parto subito o aspetto giusto qualche secondo per asciugarmi le mani e “studiare” il modo migliore per superarlo.
Inoltre riprendo subito a correre a ritmo anche nelle variazioni di pendenza e ho notato che queste “piccole” cose fanno veramente la differenza.

Ma come sono riuscita a fare ciò?

Settimanalmente Serena ci sottopone a degli allenamenti chiamati OCR WORKOUT che simulano una gara. Così abbiamo sempre la possibilità di metterci in gioco e di migliorare su questi aspetti fondamentali.

Un problema che avevo riscontrato lo scorso anno era il fatto che riuscivo a dare il 100% in allenamento e forse l’80% in gara.
Non capivo perché e la cosa mi faceva stare male, perché arrivavo al finish line non del tutto soddisfatta. Quest’anno invece sono riuscita a fare questo grandissimo salto di qualità e dare tutto anche in gara arrivando alla fine stremata.

In questo 2019 fino ad ora ho ottenuto:

3° posto age 25-29 Maggiora (unica gara in age group)
8° posto élite Rea Palus Race
13° posto élite Super Orte
4° posto assoluto Was Race Cinecittà e 2° posto age
2° posto assoluto Titan XRace Palermo e 1° posto age
15° posto élite Sprint Campi Bisenzio (finale della series italiana) e 4° italiana
1° posto assoluto Rock & Roll race
2° posto assoluto Titan XRace Nicolosi

 

Per questa seconda parte di stagione invece ho ancora degli appuntamenti importanti:

-Ocr World Championships 15k ad Ottobre
-Original Gram il 9 Novembre

 

A quasi 2 anni di metodo Heroes posso dire di sentirmi una persona nuova, più forte, più resistente e più FELICE.

A volte seguire gli allenamenti vuol dire svegliarsi alle 6:00 per incastrare passioni e lavoro, ma quando dentro hai un fuoco che brucia non puoi fare a meno di mettere tutti i mezzi disponibili per raggiungere i tuoi obiettivi.

-NON È LA MOTIVAZIONE CHE TI FA RAGGIUNGERE IL SUCCESSO, È L’IMPEGNO CHE CI METTI-

SITUAZIONE PRIMA:

TRAZIONI 0
5KM A 6:00/KM: 30 minuti
10KM A 6.05 – 6:10/KM: più o meno 1 ora
MAI CORSO OLTRE I 10KM
MAI CORSO Più DI 1 VOLTA A SETTIMANA
POCHISSIMA FORZA NELLA BRACCIA
RESISTENZA CARDIACA PESSIMA

 

SITUAZIONE ORA AD 1 ANNO E 7 MESI DI ALLENAMENTO HEROES:

12-13 TRAZIONI DI FILA
5KM 4:36/km: 23 minuti
10KM 4:41/km: 46’48”
15KM 5:05/km : 1h16’15”
CORRO ANCHE 5 VOLTE A SETTIMANA
FORZA NELLE BRACCIA: UNO DEI MIEI PUNTI DI FORZA
RESISTENZA CARDIACA MIGLIORATA ESPONENZIALMENTE “

2019-09-19T22:10:05+00:00Blog|